venerdì 22 aprile 2011

Misfits



















In attesa di mettere online la seconda lezione del mio Laboratorio di scrittura fiction televisiva, volevo consigliarvi una serie inglese che sta passando sui Canali Sky: "Misfits". Vi si narrano le storie di 5 ragazzi affidati ai servizi sociali che, colpiti da un fulmine, acquistano i superpoteri. Simon, lo sfigato del gruppo, può diventare invisibile. Curtis, ex corridore, manda indietro il tempo. Kelly è in grado di leggere nel pensiero, La bella Alisha, scatena un irrefrenabile desiderio in ogni persona che tocca e Nathan, il più "escatologico" e fuori di testa di tutti... beh, quale sia il potere di Nathan si scoprirà solo nell'ultima puntata della prima stagione e quindi non ve lo anticipo.
La serie è molto diversa sia dai film degli "X-Men" che da "Heroes": è colta e "citazionista", intelligente, divertente e irriverente; in alcuni momenti, come nell'episodio sul Natale che chiude la seconda stagione, diventa proprio iconoclasta.
Malgrado i temi - "sociali" ma non solo - che vengono trattati siano seri e "importanti", il tono è sempre sopra le righe, così come i nemici che i nostri si troveranno via via ad affrontare. Tra questi spicca il ragazzo latto-cinetico, in grado di muovere, con la sola forza del pensiero, il latte e i latticini... detto così fa ridere, ma vedere questo personaggio all'opera, quando decide di uccidere qualcuno tramite questo assurdo potere, è veramente terrificante.
Insomma, "Misfits" è delle migliori serie di quest'anno e dimostra per l'ennesima volta - poi non dirò più, prometto - come la televisione inglese non abbia più niente da invidiare a quella statunitense.

4 commenti:

Alberto Massaggia ha detto...

La seguo anche io e concordo in pieno. Serie molto interessante!

comativa ha detto...

Concordo anche io. 2 serie fantastiche

Alucard ha detto...

Scoperta per caso, assolutamente fantastica

Patrizia Mandanici ha detto...

Grazie per il consiglio, viste le prime puntate e lo trovo favoloso: gli attori bravissimi, a partire da Nathan.
Mi chiedevo come fosse il doppiaggio italiano della "truzza", con quell'accento così evidente anche ai non esperti di inglese.
Spero prima o poi che pubblichino i dvd in Italia.