venerdì 30 aprile 2010

I fumettari













Da quando posso permettermi di farlo, mi capita di chiamare a lavorare in televisione alcuni sceneggiatori di fumetti. Ho cominciato tre anni fa con “Il commissario Rex” - di cui ero autore ed Head Writer- chiedendo ad Alberto Ostini di scrivere alcuni episodi della seconda e della terza stagione: a mio parere sono state tra le puntate migliori di tutta la serie.
Ora che sto lavorando a un progetto mistery per Mediaset, ho chiesto a un altro collega, di cui non farò il nome, di darmi una mano.
Il progetto era partito qualche tempo fa con la scrittura di una prima Bibbia (un papiro di un centinaio di pagine in cui si spiega la "rava e la fava" di una serie). La bibbia era piaciuta a Mediaset che, come accade di solito, aveva chiesto alcuni cambiamenti. Niente di drammatico, tranne che per una piccola richiesta che all’inizio era passata inosservata. Il problema, di cui poi mi reso conto, era che ottemperare a quella richiesta avrebbe significato re-impostare l’intera serie. Un bel problema inutile negarlo.
Visto che il tempo incalzava ho soprasseduto, rimandando la questione, e ho chiamato per aiutarmi nella stesura dei soggetti di puntata altri cinque sceneggiatori tra cui l’autore di fumetti cui sopra. Nel suo campo lui è uno di quelli bravi - in questo momento, a mio parere, il più bravo di tutti - ed è la persona più creativa che io abbia mai conosciuto.
Oltre a noi due c’era Alberto Ostini (co-autore della prima Bibbia e mio inseparabile socio in tante imprese). Gli altri tre sceneggiatori provenivano dalla televisione: solidi professionisti della scrittura con molte ore di TV alle spalle.
Inizia la prima riunione. Il collega non parla. E’ strano: di solito è molto ciarliero. Lo guardo. Vedo che ascolta quello che noi diciamo. Ogni tanto prende appunti. Ho l’impressione che si stia tenendo tutto dentro. Noi ci affanniamo per trovare un rimedio al problema principale, lui tace.
Poi, all’improvviso, si alza ed espone in poche parole l’idea su cui aveva rimuginato fino a quel momento. Noi restiamo attoniti: ci coglie di sorpresa e ci spiazza. Non avevamo visto la cosa sotto quella prospettiva. Però sì, funziona e ci permette di salvare capra e cavoli: di accontentare Mediaset e di mantenere in piedi l’intero impianto della serie.
Perché racconto questo aneddoto? Perché molti anni fa quando ho cominciato a scrivere per la televisione sono stato preso un po’ sottogamba: - Che hai scritto fino ad ora? Fumetti? - seguiva smorfia.
Ancora oggi è così. I produttori e gli editor delle reti credono che uno sceneggiatore di fumetti sia uno sceneggiatore di serie B: preconcetto del tutto sbagliato.
Un autore di fumetti che, per esempio, lavori da anni per una casa editrice come la "Sergio Bonelli Editore" ha un bagaglio tecnico immenso, forgiato da anni di storie e di duro lavoro. Il lavoro seriale velocizza la mente e aiuta la creazione. Scrivere fumetti è una grandissima palestra: ti insegna i meccanismi della narrazione e ti fa entrare direttamente nel luogo in cui le storie si fabbricano: ti mette a contatto con gli archetipi che stanno alla base di ogni racconto e con i generi. O credete davvero che molti autori di fumetti americani come Jeph Loeb o Paul Dini lavorino per caso in serie di grande successo come “Smallville”, “Heroes” o “Lost”?
Nella mia carriera di fumettaro ho inventato e scritto circa 150 storie: uno sceneggiatore televisivo scrive - se lavora molto - due o tre sceneggiature l’anno. Forse è anche per questo motivo un qualunque albo Bonelli è migliore e più avvincente della maggior parte della fiction prodotta in Italia.

6 commenti:

Marte ha detto...

Ciao!
tuo affezzionato lettore dalle pagine di Nathan Never :D

molto interessante questo anedotto, grazie!

St. ha detto...

Grazie a te.
St.

pippo ha detto...

ciao!
trovo quello che dici molto interessante e vero....mi rendo conto di quanto ci si formi a scrivere tante pagine di sceneggiatura ogni anno....credo che nella televisione (e aggiungerei "italiana", ma credo sia superfluo!), le cose siano molto trascurate....si manda in onda quello che si può,e, soprattutto, gira sempre la stessa gente...poi, ho l'impressione(ma potrei anche sbagliarmi), che alla tv il ruolo di uno sceneggiatore conti poco, o abbia poco peso nelle cose...c'è sempre quello che comparirà in tv, a rubare la scena a chi, dietro le quinte, le cose le scrive....;)...ciò detto, appunto non si capisce come si possa essere tanto critici, in quell'ambiente, con chi scrive fumetti....perchè nei fumetti lo sceneggiatore conta molto...spesso, si guarda prima il suo nome, e solo dopo si legge la storia....;)

MarcoS. ha detto...

Ciao. Arriva al tuo blog dalla segnalazione che Medda ha fatto sul blog di Caravan. Attualmente sto seguendo il corso di Sceneggiatura della rai, ma il mio interesse maggiore come aspirante sceneggiatore è il fumetto. Attraverso il corso la cosa che maggiormente ci ripetono e che quasi nessun genere ci appartiene, che tutto è declinato nel melodrammatico e la cosa mi stupisce, perchè nel fumetto questi concetti sono stati ampiamente superati. Non dico che li sia tutto lecito ma che il nostro fumetto rispetto la nostra serialità e in netto vantaggio qualitativo. Quindi, forse ingenuamente, vedo che il futuro della serialità italiana può essere solo con persone come te che svolgono questa doppia vita.

Cavuccio ha detto...

Sarà per questo che una serie a fumetti della Bonelli può avere qualche albo non proprio all'altezza ogni tanto, oppure possa perdere un po' di intensità dopo un centinaio di numeri, mentre una serie televisiva italiana può durare al massiamo 4 puntate e poi è già troppo?

St. ha detto...

Io credo di sì.